DALLA REPRESSIONE ALLA PACE. L'Alto Adige e la storia di una convivenza pacifica Visualizza ingrandito

DALLA REPRESSIONE ALLA PACE. L'Alto Adige e la storia di una convivenza pacifica

ISBN: 979-12-80764-17-1

Nuovo prodotto

Dalla repressione alla pace, a cura di Andrea Vallenzasca

Maggiori dettagli

14,00 € tasse incl.

Dettagli

L’Alto Adige/Südtirol è una terra di confine, storicamente abitata da popoli di cultura tedesca e dal 1919 facente parte, per ragioni eminentemente politico-strategiche, dello Stato italiano. Con la fine della prima guerra mondiale e la firma del trattato di pace di Saint-Germain en Laye, viene sancita ufficialmente l’annessione della regione al Regno d’Italia e, da allora, si dipana una storia complessa e a tratti dolorosa. La popolazione di lingua tedesca, totalmente contraria al distacco da Vienna, da un lato ha lottato a più riprese per essere riannessa alla madrepatria e, dall’altro, è stata oggetto di una violenta repressione da parte del regime fascista, acuendo di fatto il conflitto tra “italiani e tedeschi”. Nel ’46 è l’accordo De Gasperi-Gruber, firmato dai ministri degli Esteri di Italia e Austria, a porre la base per la creazione di un modello di convivenza pacifica, contraddistinto dal rispetto e dal riconoscimento reciproco. Questo libro è il racconto dei fatti, delle idee e dei sentimenti popolari che l’hanno animata e che hanno portato a far sì che le differenze tra la popolazione di lingua italiana e quella di lingua tedesca diventassero motivo di arricchimento e non di divisione.

Recensioni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

DALLA REPRESSIONE ALLA PACE. L'Alto Adige e la storia di una convivenza pacifica

DALLA REPRESSIONE ALLA PACE. L'Alto Adige e la storia di una convivenza pacifica

Dalla repressione alla pace, a cura di Andrea Vallenzasca