Il cimitero monumentale di Orvieto. Le opere d'arte Visualizza ingrandito

Il cimitero monumentale di Orvieto. Le opere d'arte

Nuovo prodotto

Il Campo Santo del Comune di Orvieto, solen­nemente aperto il 2 dicembre del 1867 alla presenza delle autorità civili e religiose, è, al pari di altri e più conosciuti cimi­teri (si pensi a quello di Genova o di Milano), un luogo d'eccellenza dal punto di vista artistico e architettonico.

 

Maggiori dettagli

10,00 € tasse incl.

Dettagli

Il Campo Santo del Comune di Orvieto, solen­nemente aperto il 2 dicembre del 1867 alla presenza delle autorità civili e religiose, è, al pari di altri e più conosciuti cimi­teri (si pensi a quello di Genova o di Milano), un luogo d'eccellenza dal punto di vista artistico e architettonico, tanto da potersi definire 'monumentale'. Nel corso dei decenni si sono stratificate così opere emozionanti (per i sentimenti

 

che a distanza di anni ancora suscitano) e di grande fascino: sculture, pitture, incisioni, ceramiche e mosaici, che, nel loro insieme, hanno contribuito a formare un campione dell'arte otto-novecentesca d'importanza non solo locale, potendo vantare - tra le altre - una rarissima opera di Fi­lippo Severati (Il ritratto dei coniugi Mazzocchi), unico esempio d'una preziosa, e per certi aspetti misteriosa, attività che, nel caso di Orvieto, esula da un sinora esclusivo ambito romano.

Recensioni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Il cimitero monumentale di Orvieto. Le opere d'arte

Il cimitero monumentale di Orvieto. Le opere d'arte

Il Campo Santo del Comune di Orvieto, solen­nemente aperto il 2 dicembre del 1867 alla presenza delle autorità civili e religiose, è, al pari di altri e più conosciuti cimi­teri (si pensi a quello di Genova o di Milano), un luogo d'eccellenza dal punto di vista artistico e architettonico.