Cronaca risorgimentale tra Castel Giorgio, l’Alfina e l’Orvietano Visualizza ingrandito

Cronaca risorgimentale tra Castel Giorgio, l’Alfina e l’Orvietano

Nuovo prodotto

Quando in Europa, agli inizi del 1800, le Nazioni sono per la gran parte già quasi tutte costituite, l'Italia è ancora ammi­nistrativamente e politicamente divisa in frazionati "Statarelli", anche se "l'idea Italia" è virtualmente già ben delineata alla luce dei princìpi di unione propugnati già dal pensiero illumi­nista del fine secolo.

 

Maggiori dettagli

8,00 € tasse incl.

Dettagli

Quando in Europa, agli inizi del 1800, le Nazioni sono per la gran parte già quasi tutte costituite, l'Italia è ancora ammi­nistrativamente e politicamente divisa in frazionati "Statarelli", anche se "l'idea Italia" è virtualmente già ben delineata alla luce dei princìpi di unione propugnati già dal pensiero illumi­nista del fine secolo. Tale divisione favorisce l'assoggettamento dei territori italiani a sovranità straniere fin quando, uomini di notevole spessore politico e morale, non riescono a inculcare nelle popolazioni, idee di uniformità di costumi, usi, lingua, tradizioni, geografia, commercio, diritto, esercitando quella fusione collante che por­terà al Risorgimento e all'unificazione della nostra Patria.

Recensioni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Cronaca risorgimentale tra Castel Giorgio, l’Alfina e l’Orvietano

Cronaca risorgimentale tra Castel Giorgio, l’Alfina e l’Orvietano

Quando in Europa, agli inizi del 1800, le Nazioni sono per la gran parte già quasi tutte costituite, l'Italia è ancora ammi­nistrativamente e politicamente divisa in frazionati "Statarelli", anche se "l'idea Italia" è virtualmente già ben delineata alla luce dei princìpi di unione propugnati già dal pensiero illumi­nista del fine secolo.