• Non disponibile

Il cinema di Pasolini

€ 14,00
Tasse escluse

Sara Ovidi

IL CINEMA DI PASOLINI

Elogio dell'antimodernità 

Quantità

Provocatorio, scandaloso, dissacrante, addirittura pornografico. Il cinema di Pier Paolo Pasolini è stato bersaglio di critiche feroci e durature oltre che di azioni giudiziarie e asprissime polemiche, ma per comprenderne il più autentico significato di dirompente innovazione si deve andare all’origine della sua visione ideologica e al cuore della critica radicale che, con lucida e disperata spietatezza, muove alla società italiana degli anni Settanta. Le pellicole qui prese in esame costituiscono infatti l’arma illusoriamente più efficace e popolare che il regista brandisce contro l’omologazione, il conformismo pavido, il perbenismo democristiano, il clerico-fascismo e la “mutazione antropologica” in cui vede sprofondare il Paese, ormai piegato alla sola religione del consumo. I suoi film evocano nostalgicamente un mondo alternativo appartenente ad un passato trasformato in mito. Una realtà narrativa i cui protagonisti sono espressione di un popolo non corrotto dai disvalori borghesi, uomini e donne appartenenti ad un proletariato occidentale e del terzo mondo ancora capace di esprimere una concezione autentica della vita proprio perchè con le radici ancorate in un mondo pre-industriale e pre-consumistico.

979-12-80764-37-9

Commenti Nessun cliente per il momento.

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password